Psicoterapia Familiare

Lo stile di conduzione con cui si svolge la psicoterapia familiare che adotto a Palermo è quella in cui il terapeuta interviene in una relazione familiare e si propone di alternare ed integrare il suo ruolo di esperto con quello di facilitatore. È esperto quando fornisce conoscenze ed informazioni, ed è facilitatore quando aiuta lo scambio e il confronto di idee nel gruppo-famiglia. In un cerchio formato dagli elementi di quella famiglia, si consente sia ai figli che ai genitori in questione di “raccontarsi”, di imparare ad ascoltare l’altro e le proprie emozioni.

Quando la psicoterapia familiare aiuta le relazioni

Quando si avverte che sussistono problemi familiari ci si domanda a chi rivolgersi. Alla base della psicoterapia sistemico relazionale sta fondamentalmente il principio secondo cui ogni intervento stimolato su un elemento del sistema familiare, porta con sé la potenzialità di indurre tale cambiamento al resto della famiglia. L’occasione della terapia familiare permette di svelare le dinamiche relazionali che rendono imbrigliato chiunque è parte di quel sistema e lo porta a rendersi conto di quanto la fedeltà ad un mandato familiare possa condizionare le scelte di ognuno senza averne giusta consapevolezza. la psicoterapia familiare aiuta a rendere più chiare certe forme di comunicazione ambivalenti che non permettono movimento tra i componenti della famiglia. La terapia familiare permette di sfatare possibili miti che per loro stessa natura cristallizzano in ruoli precisi e distinti ogni appartenente al sistema in questione. Un elemento che aiuta le relazioni familiari è la capacità del terapeuta di decifrare e decodificare la “funzione del sintomo”. Quanto il sintomo che manifesta il paziente serve alla famiglia entro cui vive e cresce per mantenere un equilibrio che col tempo è divenuto disfunzionale a livello relazionale creando problemi familiari e personali.

Come si svolge la psicoterapia familiare

Partendo dal principio fondamentale su cui si basa la terapia sistemico relazionale che la famiglia non è la somma degli elementi che la compongono ma un sistema a sé, caratterizzato da specifiche  dinamiche  in cui ognuno  di essi si condiziona reciprocamente e tendenzialmente si tende a stabilire un equilibrio tale da mantenere tutto sotto controllo  ma che tale tendenza a volte si scontra con il bisogno di cambiamento che esigono le canoniche fasi di vita e gli eventi del quotidiano che richiedono una elasticità di adattamento,  e capacità di tentare nuove forme di approccio relazionale alla vitaLa psicoterapia familiare prevede una serie di incontri in cui vengono coinvolti i vari componenti della famiglia in questione, in questo modo si consente di assistere dal vivo allo svolgersi del loro modo di stare insieme e concedere di tracciarne una struttura di sistemi e sottosistemi che interagiscono, influenzandosi reciprocamente. Solitamente ma dipende dal caso che si tratta, si svolgono incontri ogni due settimane, in modo che le famiglie riescano a lavorare con quanto appreso e vissuto durante una seduta, mettendosi alla prova da soli. Si crea loro uno spazio neutrale e libero in cui poter essere sé stessi e comunicare quanto non è facile ammettere ed esporre. Si crea una “zona sicura” in cui si svelano i sottili giochi fatti di compromessi e alleanze nascoste che portano qualcuno se non tutti ad uno stato di sofferenza maggiore e non capace di essere decifrato che possono avere sviluppi sgradevoli e pericolosi di violenza domestica e violenza familiare. 

Il ruolo dello psicologo mediatore familiare

Il ruolo del mediatore familiare ha a che fare con uno specifico ambito che riguarda i casi in cui un divorzio oppure una separazione sta producendo un alto livello di sofferenza in famiglia, per cui è utile la presenza di un terzo soggetto esperto, come uno psicologo, di dinamiche relazionali che faccia da ponte per permettere alle parti in questione una gestione meno conflittuale e una comunicazione più efficace e non ostile  diventata oramai disfunzionale. L’obiettivo finale è quello di consentire alla coppia in fase di separazione un accordo che possa non ledere al benessere di eventuali figli e una gestione della nuova organizzazione che prevederà diverse abitudini di vita.

 

Chiama o Scrivi per richiedere una consulenza 

Tel: +39 320 0712477

email: compagno.tiziama@libero.it

Cerca tra gli Argomenti di tuo Interesse